Categoria Azienda Sicura

Home » Categoria Azienda Sicura
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

COVID-19: Aggiornamento sull'Ordinanza di Regione Lombardia e sulla proroga normativa in materia ambientale

Sintex

Facciamo chiarezza sulla nuova Ordinanza di Regione Lombardia e sulla legge n. 159/2020 che proroga le autorizzazioni ambientali


Ordinanza di Regione Lombardia

Il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana ha firmato il 9 dicembre la nuova Ordinanza n. 649 in materia di contrasto dell’epidemia da Covid-19.

L’Ordinanza regionale n. 649 del 9 dicembre 2020 conferma le prescrizioni per i datori di lavoro, tra cui gli obblighi di misurare la temperatura di tutto il personale e di comunicare tempestivamente i casi sospetti al medico competente (che effettuerà la segnalazione all’ATS di riferimento). Le persone che mostrano sintomi saranno momentaneamente isolate e non dovranno recarsi al Pronto Soccorso. In caso di sintomi, il lavoratore deve darne immediata comunicazione al proprio medico di medicina generale (MMG) e segnalare il mancato accesso al luogo di lavoro.

È fortemente raccomandata la rilevazione della temperatura nei confronti dei clienti/utenti di attività economiche e sociali e di servizi pubblici, prima dell’accesso.

Sull'intero territorio nazionale, inoltre, è obbligatorio avere sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie e indossarli:

  • nei luoghi al chiuso diversi dalla propria abitazione;
  • in tutti i luoghi all'aperto, ad eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita costantemente una condizione di isolamento da altre persone non conviventi.

Non sono obbligati ad indossare la mascherina i bambini al di sotto dei 6 anni, o i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina e le persone che interagiscono con loro (ad es. coloro che devono interloquire nella L.I.S. con una persona non udente).
Non è obbligatorio l’uso della mascherina nemmeno per coloro che svolgono attività sportiva.

All’obbligo della mascherina si aggiungono le altre misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio, come il distanziamento fisico e l'igiene costante e accurata delle mani, che restano invariate e prioritarie.

Le persone con infezione respiratoria caratterizzata da febbre (maggiore di 37,5°) devono rimanere presso il proprio domicilio e contattare il proprio medico curante.

COVID-19: nuova proroga per autorizzazioni ambientali

E’ stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 3 dicembre 2020 la Legge n. 159 del 27 novembre 2020, di conversione del DL 7 ottobre 2020, n. 125 recante “Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19, per il differimento di consultazioni elettorali per l’anno 2020 e per la continuità operativa del sistema di allerta COVID, nonché per l’attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020, e disposizioni urgenti in materia di riscossione esattoriale”.

In tale provvedimento, all’art. 3-bis, sono state apportate alcune modifiche all’art. 103 (Sospensione dei termini nei procedimenti amministrativi ed effetti degli atti amministrativi in scadenza) del DL 18/2020, convertito con Legge n. 27/2020. In particolare, al comma 2 viene previsto che tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e la data della dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 (attualmente prevista per il 31 gennaio 2021), conservano la loro validità per i 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza. Si ricorda che tale comma trova applicazione anche per le autorizzazioni ambientali.

Inoltre, è stato introdotto il nuovo comma 2-sexies, il quale stabilisce che tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni, comprese quelle ambientali, atti abilitativi comunque denominati, scaduti tra il 1° agosto 2020 e il 4 dicembre 2020 e che non sono stati rinnovati, conservano la loro validità, che permane fino ai 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza.